29 novembre 2005

Casadine ( o formaggelle)





Le faceva mia nonna e forse sono i dolci sardi più noti dopo le seadas.



Ingredienti.

Per la pasta:
300 gr di semola rimacinata o farina 0
1 pizzico di sale
75 gr di strutto
acqua tiepida q.b.

Per il ripieno:
1 kg di ricotta o 1 kg di formaggio fresco,
la buccia grattugiata di 2 arance,
1 uovo,
100 gr di semola rimacinata (o farina 0),
100 gr di zucchero,
100 gr di uvetta
½ cucchiaino di sale.
Semola (o farina) per il vassoio.

In un insalatiera mettere tutti gli ingredienti del ripieno, mescolarli e formare delle palline grosse quanto una noce. Farle rotolare in un vassoio ricoperto di semola finissima. Preparare una sfoglia non troppo morbida impastando la semola, lo strutto sciolto e freddo, il sale e l’acqua. Stendere la sfoglia sottile e ritagliare dei dischi di pasta di circa 8-10 cm di diametro. Mettere su ogni disco di pasta una pallina di ripieno e chiudere la pasta intorno alla pallina pizzicandola in diversi punti in modo da mantenere bene il ripieno al centro. Infornare a 160° e comunque fino a doratura delle formaggelle. Quando sono fredde si possono spolverizzare con zucchero a velo o semolato.
Nella zona di Cagliari si fanno senza uvetta, nel ripieno si mette lo zafferano e vengono chiamate Pardulas.

11 commenti:

  1. Anche dalle mie parti facciamo qualcosa di molto simile,in superfice
    diamo una spolverata di cannella,è un pò che non li faccio...ma come si fa qui siamo sempre a dieta.

    RispondiElimina
  2. Buoni!!! Cioè in realtà non li ho mai mangiati ma adoro i dolci con il formaggio...voglio provare! Ma se non mettessi l'uvetta-la odio-varrebbe ancora la pena??
    Ciao!!
    Sara

    RispondiElimina
  3. queste proposte da daniela sono tipiche della zona logudoro-gallura
    da noi in campidano si fanno SENZA uvetta

    maestrazen chiede se ne vale la pena....prova poi ci dici

    RispondiElimina
  4. Ah deimenticavo ho inserito questo blog nei miei link...spero che non ti dispiaccia...
    Ciao!
    Sara

    RispondiElimina
  5. E' vero Rucoletta, ma voi mettete anche lo zafferano se non sbaglio...:)

    e poi mio padre è logudorese :)

    RispondiElimina
  6. Buoni questi dolcetti!
    grazie a loro, un po' di anni fa, ho guadagnato 3 kg :o)

    RispondiElimina
  7. adesso si che la foto è venuta bene ...bravissima

    RispondiElimina
  8. ciao Daniela da noi Sicilia si chiamamo "cassateddi" vengono fatti sia nel periodo natalizio e quello pasquale. la ricotta viene condita con miele zucchero e cannella e qualche mandorlina.
    Ciccio S

    RispondiElimina
  9. Ciao Ciccio, interessante questa cosa. E' la forma è simile?

    RispondiElimina