06 aprile 2020

Alette di pollo al Bourbon. La ricetta del lunedì.



Oggi ho chiesto un suggerimento a un amico su cosa preparare quando si  invitano gli amici. Qualcosa di relativamente facile da preparare ma allo stesso tempo di sfizioso e orignale. 
Mi ha risposto Stefano Stoto docente nei corsi dell'UdB (Unione degustatori Birra), nonché comproprietario del Beer Style, un locale di Centocelle che si sta facendo conoscere per la scelta di birre, sempre varia e di qualità, e per la cucina particolarmente invitante. 

30 marzo 2020

Delivery Roma, la piattaforma per scoprire chi consegna a domicilio a Roma.

https://www.deliveryroma.it/

Ci piace mangiare, ci piace  cucinare, ma  come  fare  a rifornirsi del necessario senza uscire troppo e senza mettere  a repentaglio la  sicurezza di tutti?
Seguitemi e vi racconto una novità per Roma  e dintorni. Per ora, ma so che nel  resto d'Italia si stanno già organizzando altre iniziative simili.
#iorestoacasa #romarestaacasa
Lo stiamo dicendo tutti, ce lo dicono la TV e i giornali: è un momento difficile che sta toccando diverse zone del mondo per  colpa del coronavirus, il Covid-19.
Partito dalla Cina è sbarcato in Italia, forse passando dalla Germania. Non lo so con certezza e sto evitando di seguire  troppi aggiornamenti. Me ne basta uno al giorno.

23 marzo 2020

Pollo, carote e nocciole. La ricetta del lunedì.


E'primavera, fioriscono le peonie. Un fiore bellissimo, simbolo dell'effimero. Ci donano tanta  grazia una sola  volta all'anno e poi  più nulla. E si devono aspettare altri 12  mesi per goderne di nuovo. Le ho volute  come sfondo di questa ricetta che ha come caratteristica la  semplicità degli ingredienti, facilissimi da  trovare e la  velocità dell'esecuzione.

16 marzo 2020

Bavette alle verdure saltate. La ricetta del lunedì.

Bavette alle verdure saltate
Giorno 7 di isolamento da  Coronavirus. Passo il  giorno a lavorare, nei feriali, leggere, studiare, scrivere, fare ginnastica da camera. Poi il tempo è tanto e allora ci sono anche gli amici che non si sentivano da tanto e finalmente si possono scambiare due parole anche in tarda  serata tanto domani la  svegli a suona più tardi.
E poi si può cucinare. 
Sento di molti che in questi  giorni temono di aver preso dei chili, io credo di averli persi, faccio colazione, pranzo e cena ma non mangio quasi  nulla fuori dai pasti tranne  un  frutto  a merenda e non sempre.

09 marzo 2020

Come fare i migliori Dorayaki di Roma.



Chi non conosce i pancake? quasi nessuno. E i Dorayaki? molti, soprattutto chi leggeva i manga e seguiva gli anime di Doraemon, il gatto  blu meccanico, ha visto i dolcetti che mangiava e noi oggi li rifacciamo insieme.
Non sono difficili, si devono solo seguire alla lettera dosi e procedimento, ma se si è precisi come uno svizzer... un giapponese, il risultato è garantito.

02 marzo 2020

Le Linguine con i porri. La ricetta del lunedì. Versione vegana e non vegana.

Linguine con i porri
Mi piacciono molto le verdure invernali come tutte quelle che appartengono alla grande famiglia  delle crocifere (cavoli, broccoli, cavoletti), ma non sono le uniche ad allietare le  mense della stagione fredda, ce ne sono tante tra  cui i  porri, verdura che adoro e che ho usto in alcuni piatti, classici e no!!
Avevo delle linguine di grano duro Senatore Cappelli, un  formato che di solito non utilizzo, ma  queste son speciali. Poi avevo dei porri dell'azienda Altobelli, il mio fornitore abituale di verdure fresche.

26 febbraio 2020

I menu del PengYou da DAO Chinese Restaurant, Roma.


Branzino croccante



Con l'hashtag #IoVadoAlCinese ✨ è stato inaugurato l'evento che durerà ben 4 settimane durante le quali verranno proposti 4 menu speciali dedicati all'amicizia e alla solidarietà tra i popoli cinesi e Italiani, che in questo periodo difficile condividono la brutta  esperienza del coronavirus.
E per ricordare che come dice il nostro ministero della Salute, il virus non si prende con il cibo, dal 18 febbraio al 17 marzo Dao Ristorante Cinese, a Roma alternerà 4 diversi menu tutti legati all'antica tradizione cinese, chiamati del Pengyou, che in cinese significa “degli amici”. Le 4 proposte saranno disponibili sia a pranzo che a cena, con un menu speciale in edizione limitata diverso ogni settimana, ciascuno ispirato ai valori dell’amicizia e della condivisione.

24 febbraio 2020

Acciuleddhi e meli gaddhuresi, dolci fritti galluresi di carnevale. La ricetta del lunedì.

Queste dolcissime treccine sono dolci tipici sardi del carnevale. Io li ho conosciuti con questo nome soprattutto in Gallura. Sono fatti di una pasta fritta e glassata con il miele profumato all'arancia.
Il carnevale in sardegna inizia con la festa di sant'Antonio ed è ricco di tanti dolci che spesso cambiano nome da paese a paese e non è  facile orientarsi.
Gli  impasti in alcuni casi sono lievitati oppure sono una sorta di brisée a base di strutto.
Attualmente molti fanno gli acciuleddi con un  impasto che  prevede anche uova e zucchero ma in passato si facevano con la pasta violada, da alcuni definita la frolla sarda che è composta da  sola  semola di grano duro sardo, 1/5 di strutto e tanta  acqua  calda quanta  ne  serve per avere  un impasto morbido ma non  troppo. Queste proporzioni sono suggerite da Claudia Casu sul suo SardegnaCookingStudio/

17 febbraio 2020

Ristorante Arlù, Roma.


Non è facile trovare un ristorante di qualità in una zona turistica com'è quella di San Pietro a Roma. Ma per fortuna ci sono Lucia Cenci e il marito Armando Giammaria, che con le figlie Carlotta e Federica, sono la salvezza dei gourmet a Borgo Pio proprio alle spalle del Vaticano nel ristorante di famiglia Arlù.

10 febbraio 2020

... e ancora non mi pesa il ricordo. Tagliatelle con tartufo e zucca per la ricetta del lunedì.


Il post di oggi è di Matteo Capellaro, Wine & Food Consultant. Ci ha voluto portare il racconto di un suo ricordo seguito da brevi indicazione sula realizzazione di questo piatto. Le emozioni che il cibo con i suoi sapori e i suoi profumi, può evocare è  tutto nel suo scritto.

Le chiamava tagliatelle e le cucinava in quello che noi nipoti avevamo soprannominato il Ristorante da Nonna Nella. Con la passione per la cucina, trascorreva ore a preparare manicaretti, a selezionare materie prime di produttori locali nei mercati di paese. Ricordo tacchini, conigli, faraone, addirittura una volta un fagiano ma anche il classico merluzzo alla piemontese passati per quelle mani che sapevano l'arte e leggere di ogni pietanza il modo migliore per realizzarla.