21 novembre 2005

Perchè senza panna

Sono fermamente convinta di essere una persona normale con gusti normali e abitudini normali.
Credo anche che buona parte della mia vita precedente sia stata condizionata dall'uso smodato della panna in cucina che è stato fatto soprattutto negli anni '80.
Fino a diventare in passato una non-fissazione.
In quegli anni per qualcuno usare la panna significava saper cucinare o volerlo dimostrare e dare un tocco più "chic" ai propri piatti.
Io forse per abitudine familiare o forse perché ho avuto la fortuna di conoscere cibi sani e genuini ho associato questo uso smodato a un'abitudine che non mi piaceva.
C'è da dire che la panna come sapore mi piace molto, che la uso per preparare alcuni tipi di dolci, la mangio addirittura a cucchiaiate, e la metto solo dove secondo me, il mio gusto, la mia preferenza ci va.
Forse ho anche esagerato in passato e ora non provo più quel senso di fastidio che avevo accumulato. Anzi ormai ci rido sopra, ma questo nome del blog mi si addice e ormai l'ho fatto mio.
E' sempre stato un mio progetto per un libro e dal novembre 2005 è il mio blog.
Io quindi userò la panna nelle mie ricette, solo nei casi in cui la riterrò necessaria (nei dolci) o per legare delle salse in picolissime quantità e molto raramente.
Se poi un giorno avrò voglia di mangiare i tortellini con la panna... e perché no? li mangerò.

Download:
FLVMP43GP

42 commenti:

  1. anni '80, facciamo anche un po' '90. Tortellini Rana tirati fuori dal frigo, cotti e conditi con un po' di panna e parmigiano: era il massimo della goduria delle cene mie e di mia sorella, temporaneamente "orfane" dei genitori nel week end....insomma, mi associo alla tua idiosincrasia per la panna!!! Io oggi la metto....mmm... nella quiche se proprio devo!!
    Benvenuta nel mondo dei blog :))))

    RispondiElimina
  2. sono uno chef la panna può essere utilizzata dapertutto ma con intelligenza e parsimonia.

    RispondiElimina
  3. Elianto, grazie.
    Per ora mi diverto :Per me l'html è una novità, cercherò di imparare :)

    RispondiElimina
  4. GRANDE, Dany!!!
    Il tuo blog è una MERAVIGLIA e le tue ricette semplicemente splendide :-))))))))
    Sei una delle mie guide in cucina :-)))))))))
    ti abbraccio
    ghiandina

    RispondiElimina
  5. GRANDE, Dany!!!
    Il tuo blog è una MERAVIGLIA e le tue ricette semplicemente splendide :-))))))))
    Sei una delle mie guide in cucina :-)))))))))
    ti abbraccio
    ghiandina

    RispondiElimina
  6. Ghiandina, sarà vero... l'hai detto addirittura due volte :))

    RispondiElimina
  7. Grazie per la spiegazione! :)
    Mi suocera purtroppo è rimasta vittima di questa "moda" la mette anche nel sugo di pomodoro e tonno :(

    RispondiElimina
  8. ops...l'anonimo qui sopra sono io
    Daniela Cartella

    RispondiElimina
  9. Daniela C., io sono riuscita in parte a far passare la voglia a mia suocera :)))

    RispondiElimina
  10. Brava e complimenti...mi piace molto la tua composizione di arance amare, salvia rosmarino e limoni, sarebbe un bellissimo centrotavola natalizio.

    Mangerei volentieri anche un tuo cioccolatino.

    Baci Gabriella

    P.S. sei finita tra i mie blog preferiti :D

    RispondiElimina
  11. Grazie Gabriella, erano cose che avevo raccolto con le mie mani e profumavano molto.

    RispondiElimina
  12. guai a te se metti la panna nei tortellini bolognesi !!!!!
    in brodo !!!!si mangiano in brodo !!!! eh eh eh
    ciao
    Giorgia M.

    RispondiElimina
  13. Lo so, tu sei la mia maestra :))))

    RispondiElimina
  14. Mmmmm.
    bbone le pennette panna e salmone!!
    :-PPPPPPPPP
    Ciao maestra!

    RispondiElimina
  15. ciao Andredà!! :)))) Come direbbe una nostra amica: le pennette panna e salmone ... nun se po' sentì. :))

    Molto anni '80 :)))))

    RispondiElimina
  16. "Molto anni '80 :)))))"
    Favolosi pure loro!! :-PPP

    RispondiElimina
  17. OT, ma neppure per quella, la musica è morta negli anni 80, quando Alan Sorrenti ha cantato "Figli delle stelle" :-(((

    RispondiElimina
  18. Nooo, Figli delle stelle no, ti prego... quasi quasi mi converto all'uso della panna :))))

    RispondiElimina
  19. Anche io odio la panna in cucina. Non la uso mai e al ristorante mi è capitato più volte di rifiutare i primi piatti con uso scellerato di panna.
    Ti leggero spesso.
    Ciao
    m.

    RispondiElimina
  20. non uso molto la panna, ma se proprio mi dovesse servire per legare qualche salsa uso la crema fresca pastorizzata. nn incolla e da carattere alla preparazione. esempio? risotto agli ovoli e scorzone un po' di panna fresca alla fine della cottura dei funghi...alla fine ci beviamo un bel bicchiere di valpolicella!! Buona salute a tutti!! pierluigi

    RispondiElimina
  21. oddio oddio cosa leggono i miei occhi! Un'altra estremista come me!
    A dir la verità ne ho visti un pò di commenti anti-panna, quindi non siamo soli. Daniela, però, ti devo confessare che sto tentando di ammorbidirmi un pò. Nel caso sia io a cucinare, devo dire di star tentando, lentamente, a far riapparire, in quantità contingentata anche un pochino pochino di panna. Niente tortellone rana alla panna ma magari per ravvivare un filettino un pò troppo poco appassionante si può anche fare, che dici?

    RispondiElimina
  22. Per poterla dosare nel modo giusto e usarla veramente quando ci sta bene e in quantità minime bisogna prima odiarla e bandirla.

    Vabbè, esagero, però la penso così.
    L'uso che se ne è fatto soprattutto in ambito familiare è stato esagerato.
    Usata (poco) per legare delle salse si quò quasi (forse) tollerare ma in pochissimi casi.
    Però diciamo che a parte nei dolci evito di usarla.

    RispondiElimina
  23. ciao, è la prima volta che ti leggo:
    sono daccordo sui motivi del "senza panna".
    A me ricorda tanto i primi anni di università, quando le matricole + sfigate (non io, io mangiavo già bene!) festeggiavano l'esame andato bene con tortellini discount con panna e prosciutto o pasta sugo e panna o gocchi discount con panna o pasta in bianco con panna e tttttooooonnnnnnoooo!!!!AIUTOOOOOO!!!!!

    RispondiElimina
  24. Meno male qualcuno mi capisce.
    Sono stata rimproverata di non capirci niente perchè i dolci si fanno con la panna... e chi ha mai detto il contrario??

    RispondiElimina
  25. brava anch eio detesto l'uso smodato della panna, sopratutto in cucina, nei dolci mi piace sempre se usata dove sta bene, e pensare che tutti si scandalizzano quando dico: io non utilizzo la panna in cucina, per me potrebbe pure non eistere...
    un abbraccio antonella

    RispondiElimina
  26. Da oggi apparirò in firma come SenzaPanna o se mi gira come Tartare, ci devo pensare

    RispondiElimina
  27. D'accordo sul fastidioso abuso della panna in cucina, è una mazzata sullo stomaco che omologa tutti i cibi e li appesantisce.
    Incredibile che ci siano ancora tati posti, soprattutto bar ecc. che all'ora di pranzo propongano piatti con la panna anche perché mica fanno tanto bene!

    Da piccola, invece, adoravo i tortellini alla panna, con tutto il cuore. magari mentre guardavo un cartone animato e poi mi facevo un toast con 2-3 sottilette......!!! Se avanzava spazio in pancia, coronavo con pane d toast con nutella, blah!

    Da una vita che non mangio tutto ciò (a parte la nutella)... si cambia.

    Un saluto,
    Chiara

    RispondiElimina
  28. Ogni tanto qualcuno mi dic e o manda dire che non ho capito niente, è chiaro che la mia è un'esagerazione dovuta all'uso esagerato che ne è stato fatto in passato, in alcuni casi ci vuole, come in pasticceria, ma in cucina mi limiterei a pochi casi e in genere usata in piccole dosi come legante.
    Poi a me di sapor e piace molto e quando la compro la mangio a cucchiaiate :-)))

    RispondiElimina
  29. Cara daniela, sono ginetta, ero con te il 25 aprile, il dolce di Roberta non l'ho assaggiato per via della mia momentanea rinuncia ai dolci, ma era molto carino e sicuramente ottimo.
    Il tuo blog è veramente ben fatto, spero di poterti incontrare di nuovo per due chiacchiere "culinarie" e non solo. Un abbraccio a presto

    RispondiElimina
  30. Ciao Ginetta,
    sono stata molto bene il 25 con voi e mi ha fatto piacere conoscerti

    RispondiElimina
  31. Un bravo cuoco evita di usare la panna perchè se "il ferro da stiro" è il rufiano dei sarti" (ovvero stirando bene un capo si possono nascondere difetti di sartoria) "la panna è la rufiana dei cuochi" (ovvero nasconde errori culinari) a meno che la panna non sia la vera base di una ricetta naturalmente.

    RispondiElimina
  32. Graz, lo diceva anche la mia maestra cuoca :-))))

    RispondiElimina
  33. Giusto il commento su Alan Sorrenti!
    Per quanto riguarda la panna: l'inizio del boom dei tortellini alla panna risale alla fine degli anni '60, mi pare...
    Raf

    RispondiElimina
  34. ti a-do-ro! finalmente qualcuno che lo capisce che la panna non va ovunque per far sughetto!! la odio anche io usata così ovunque.

    RispondiElimina
  35. Ciao, sono assolutamente daccordo con te sul discorso della panna...diavolo pare che se non l metti ovunque non sai cucinare...sarà forse il contrario?
    io non sono una fautrice dell'uso smodato della panna quando la incontro in una ricetta...cambio ricetta :D

    Chicca

    RispondiElimina
  36. ti consiglio di provare la panna vegetale quella di mais per esempio ma senza grassi idrogenati... molto più leggera di quella animale, a mio avviso si sposa meglio con i vegetali e con la maggior parte degli alimenti... Veronica.

    RispondiElimina
  37. Veronica, mai sentita. In effetti se è senza grassi idrogenati o altre schifezze potrebbe essere un'alternativa per chi è intollerante ad esempio o i vegani.
    A me in realtà la panna piace molto come sapore.
    :-)))))

    RispondiElimina
  38. Sono d'accordo sul fatto che l'uso della panna in cucina sia un reato facilmente classificabile come "occultamento di cadavere".

    Esattamente come gli gnocchi di patate con panna e parmigiano: Bella cagata. Due cose che sanno di poco e una che sa di tanto.

    Eppure, e sottolineo EPPURE, io quando faccio porri e patate saltati in padella, magari con qualche dadino di prosciutto, ce la metto ancora.

    Esattamente come il sughino delle linguine di oggi: Ho recuperato delle foglie di basilico che stavano seccando con un po' d'olio e le ho messe nel tritatutto coi pezzettoni di pomodoro: Buttati in padella con un po' di cipolla e mezzo dado vegetale, e a chiudere ci ho messo un po' di panna.

    Anche i tortelloni ricotta e spinaci con panna e prosciutto mi fanno tutt'altro che schifo.

    Però gli chef, quelli veri, la detestano, perché è il collo di bottiglia, il filtro attenuatore dei gusti, e appesantisce.

    Quando poi si fanno galleggiare i piatti nella panna, peggio ancora.

    RispondiElimina