04 marzo 2006

Pita

Pane Pita: foto di Rossella tratta da Amicincucina

Su Gennarino c'è la ricetta di questo pane, Rossella l'ha realizzato e consiglia di accompagnarlo preferibilmente con hummus e salse simili (come da tradizione), ma anche con salumi e formaggi piccanti, cioè con quello che vi pare .

ingredienti per 8

c.a. 10g lievito disidratato (quello a sferette che si deve riattivare in acqua)
1 cucchiaino (ca 5g) zucchero
343g acqua tiepida (due parti fredda, una parte bollente).

miscelare e lasciare riposare 5-10 min, il tempo necessario per la riattivazione del lievito (forma una schiumetta in superficie quando é pronto) unire il composto a

800g farina forte
1 cucchiaino sale
1 cucchiaino olio evo

impastare fino a pasta liscia, non appiccicosa e uniforme. Lasciare lievitare fino a raddoppio del volume, ca 1 ora 1/2. A lievitazione avvenuta, accendere il forno a 250°, mettendo una teglia nel ripiano piu' basso (o usate la pietra refrattaria). Intanto sgonfiare l'impasto, dividerlo in 8 palline, e lasciare riposare, coperte, 15 min. passato il tempo, spianare le palline a ca 20 cm diametro, occhio che la superficie non deve avere crepette o rotture, sennò l'interno del pane non si svuota. mettere in forno, sulla teglia (o pietra) per 4-5 min (appena comincia a imbrunire sui bordi o la parte superiore togliere. Una pita ben riuscita viene così appena sfornata, se la lasciate 5 minuti si sgonfia naturalmente, e dentro si forma la famosa 'tasca' per il ripieno che preferite (anche se la pita é uno dei pani ideali per hummus e salse simili)

Io ho fatto alcune modifiche e ho sostituito metà farina con semola x panificazione, ho ridotto il lievito a pochissimi grammi e ho iniziato la lievitazione dal giorno prima per permettare all'impasto di maturare.

Eccola mentre cuoce nel mio forno:


Per il cavoletto aggiungo una foto della pita raffreddata e sgonfia, come vedi rimane una tasca che si può farcire.

foto di Trizzi tratta da il forum di Gennarino

Qui qualche ricetta con cui accompagnare la pita.

23 commenti:

  1. ma non si è sgonfiato uscendo dal forno, il panino??

    RispondiElimina
  2. Sì, certo. Vai a vedere la foto che ha messo Trizzi sul forum di gennarino:

    http://img451.imageshack.us/img451/8972/pita0068gv.jpg

    RispondiElimina
  3. io la pita la farcisco in modo molto fusion :-)... greco-abruzzese...preparo gli arrosticini di castrato , sfilo i pezzettini e li metto nella pita, a strati metto : tzatziki, pomodoro a fette, cipolla a fette, paprika , peperoncino e pepe.
    se trovo una foto la metto su amicincucina.

    RispondiElimina
  4. Brava GiorgiaM!!!!La regina della piadina.
    Metti la foto che la voglio vedere. :-))

    RispondiElimina
  5. Buonissimo con l'hummus, questo pane mi fa proprio venire voglia di farlo.

    RispondiElimina
  6. Io pensavo fosse più difficile e invece gonfia benissimo.

    RispondiElimina
  7. Visto Daniela nulla di più facile,basta seguire alcuni accorgimenti,e tutto è fatto,e ringrazio ancora la cara Trizzi per la ricetta,e le dritte che ci ha dato. ;-)
    Rossella

    RispondiElimina
  8. Hummous, buono!!!

    RispondiElimina
  9. Vedo che ti e' venuto proprio bene;io come farcia uso il Doner di agnello o di montone. certo non e' che sia proprio leggerino, specialmente se se ci si mettono generose dosi di cipolla, ma alla fine una buona birra aiuta a manfare giu' il tutto...
    tagliato a triangolini, il pita e' si buono con l'hummus ma alla fine lo trovo un po troppo stucchevole.Ogni tanto lo provo con la melantzanosalata.
    hai mai provato a fare il Lahmacun ?

    RispondiElimina
  10. Aja, non conosco il Lahmacun, faccio una ricerca su sangugle o me lo dici tu cos'è? :-)))))

    RispondiElimina
  11. Ross, grazie ai tuoi ocnsigi mi è venuta benissimo. E poi ho letto che anche tu hai ridotto molto il lievito.
    :-))))))))

    RispondiElimina
  12. ocnsigi... sarebbero i consigli :-ppppppppp

    RispondiElimina
  13. http://en.wikipedia.org/wiki/Lahmacun

    Daniela, dai un'occhiata a questo link
    io l'ho mangiata diverse volte perche'dove vivo ci sono tanti venditori di cibo turco che la preparano.
    una volta ci si vedeva le partite la sera a casa di un amico e invece dei canonici spaghetti, si compravano queste cose dal take away sotto casa .
    Oggi non seguo piu' il calcio e ho cominciato a preparare qualche piatto turco. Chissa' perche' quelli del take away erano piu' buoni :-))

    RispondiElimina
  14. Grazie Aja, ho letto che un piatto a base di carne macinata e pomodoro... adesso cerco la ricetta, anzi se ce l'hai me la dai?
    :-)))

    RispondiElimina
  15. purtroppo non ho la ricetta della pizza turca. O ti riferisci a quella del doner ? ma poi devi trovare il modo di cucinare la carne nello spiedo orizzontale.

    RispondiElimina
  16. Cara Danielad, ti ringrazio, ricambio la visita ed il linkaggio... in vista di future e proficue collaborazioni! Baci
    PS: mi diresti come sei venuta a conoscenza del mio blog visto che quelli di Goooooogle sembrano non curarsene?
    ciaoooo ;-))

    RispondiElimina
  17. x AJA, mi riferivo al lahmacun

    Venere: ho letto i tuoi commenti su altri blog e ho trovato il tuo.

    :-)))

    RispondiElimina
  18. daniela visto che sei alle prese con l'okara (residuo del tofu) puoi fare diverse cose ma ricordati che priva va ben cotta altrimenti rimane dura tipo cecio crudo...:
    polpette/polpettone
    aggiunta alle zuppe e ai minestroni
    saltata con le verdure (c'è qualcosa sul blog)
    puoi anche cuocerla e poi congelarla, è una straordinaria fonte di proteine.
    baci

    RispondiElimina
  19. ps brava!!! sei una delle poche che si è cimentata nell'impresa! ;-))

    RispondiElimina
  20. @ Petula, per ora ho solo comprato il nigari... ma ho rimandato tutto perchè da ieri non ho la digitale e ci tenevo a fare le foto. :-(

    :-))))))))))))))

    per l'okara sospettavo che si potesse congelare. Grazie dei consigli.

    RispondiElimina
  21. Daniela
    ho cercato la ricetta in rete e questa, tra quelle rapidamente trovate, e' l'unica che capisco( le altre sono o scritte in arabo o in tedesco)
    quelle che mangio io hanno un gusto rapportabile a questa e penso che la ricetta della pasta della pizza sia un incrocio tra quella italiana e quella per la pita.
    io la ho assaggiata con pinoli e evendo un retrogusto amaro/dolciatro penso che qui abbiano usato la pasta di tamarindo
    ; comunque come carne ho mangiato quella con l'agnello


    LAHMACUN (TURKISH MEAT PIZZA)

    500 g (1 lb 2 oz) onions, finely chopped
    4 tablespoons sunflower oil
    750 g (1 3/4 lb) ripe tomatoes, peeled and chopped, or 400 g (14 oz)
    tin peeled tomatoes
    750 g (1 3/4 lb) lean minced lamb or beef
    4 tablespoons tomato puree
    salt
    pepper
    juice of 1/2 lemon
    bunch of parsley, finely chopped
    good pinch of cayenne, or 1 small chilli, finely chopped
    50 g (2 oz) pine-nuts, toasted (optional)

    Make the pizza dough and leave to rise twice.

    Meanwhile fry the onions in 3 tablespoons of oil until soft but
    not golden. Add the tomatoes and cook until the sauce is thick
    and the liquid has disappeared.

    Preheat the oven to 230 C/450 :F/gas mark 8.

    Put the raw meat in a bowl with all the topping ingredients including
    the tomato mixture and work well into a paste with your hands.
    Knead the dough again for a few minutes and divide into 3. Roll
    each out as thinly as possible on a floured surface with a floured
    rolling pin and ease on to 3 oiled baking sheets about 35 x 40 cm
    (14 x 16 in).

    Spread a thick layer of meat mixture on each sheet of dough. Let
    them rest for 10 minutes and bake for 10 - 15 minutes or until the
    mixture has cooked and the dough is brown around the edges. Cut
    into squares.

    Note : A quick and easy lahmacun can be made with the same filling
    on bought, opened-out pita bread.

    Variation : Adding 1 tablespoon of tamarind paste and 1 teaspoon
    of sugar to the fried onion lends a delicious sweet and sour flavour.

    Serves 12 or more.

    RispondiElimina
  22. Dany, ti ho letto solo ora per il vino con le trofie.
    Ti ho scritto la risposta.
    Ciao
    Rob

    RispondiElimina