29 agosto 2006

Tartare di Max


Dopo 10 giorni di pattinaggio ero in crisi di astinenza da blog. Allora ieri sera ho rimediato così alle carenze.
Questa ricetta mi è stata data da Massimo Sola (1 stella Michelin  nel  2007). La copio così come me l'ha mandata. Come primo tentativo mi accontento, ma posso migliorare la realizzazione e soprattutto la presentazione.

dosi per 1 persona:

80 gr di filetto di manzo tagliato a cubetti piccoli e battuto energicamente al coltello (la carne si ossigena e prende un colore meraviglioso);
1 filetto di acciuga,
5 capperi,
mezzo cipollotto
(quelli piccoli, piccoli),
qualche foglia di prezzemolo, il tutto tritato finemente;
una goccia di buon Cognac;
10 gocce di Worchestershiresauce
10 gocce di Tabasco
1 tuorlo d'uovo
mezzo limone
Olio extravergine, meglio strutturato (toscana, molise, umbria)
sale e tanto pepe nero macinato.


In una ciotola di vetro sciogli il sale con il limone aiutandoti con una piccola frusta. Aggiungi il tuorlo sempre mescolando e, a filo, l'olio extravergine; otterrai una semi maionese. Metti uno ad uno gli ingredienti tritati finemente, il cognac, il pepe, il tabasco, la worchester e mescola sempre con la frusta fino a che tutti gli ingredienti siano ben amalgamati.
A questo punto aggiungi la carne trita e con cucchiaio e forchetta fai passare la carne nella salsa (la forchetta spinge e schiaccia la carne sul cucchiaio), otterrai un composto omogeneo e la carne ti sembrerà una purea un po' grossolana. Mettila in un piatto come fosse un hamburger, sempre con la forchetta fai delle righe sulla parte superiore.
Presentazione: metti un tuorlo in congelatore e dimenticatelo per 4 ore...metti la tartare condita in un coppapasta (o bicchiere, stampino, qualcosa di cilindrico) poi la rovesci piano piano in un piatto meglio se di vetro; pela con un pelapatate il gambo del sedano, avrai tipo delle tagliatelline di sedano, arruffale come viene con le mani e disponile sopra la tartare, poi ripiglia il tuorlo che avevi messo a congelare e grattuggialo, abbondante, come fosse parmigiano sulla tua tartare-sedano. Il tuorlo ghiacciato a contatto con il palato si scioglierà, sentirai che esplosione... preparati!


Difficoltà e difetti:
Ho trovato grosse difficoltà con il tuorlo congelato, ma ho intenzione di riprovarci ancora. Praticamente mi si scioglieva in mano e non passava dalla grattugia ma rimaneva lì. Alla fine ho fatto dei riccioli con la mandolina ma non è la stessa cosa.
Il tuorlo con cui ho fatto la salsa condimento era troppo grande per 80 g di carne, infatti era di un uovo gigante, forse ne basta uno medio o piccolo.
Le tagliatelle di sedano mi sono venute troppo grosse ma arricciandole in acqua gelata ho salvato un po' la presentazione.
Il sapore era buonissimo e quello non dipende da me ma dalla ricetta e dalla preparazione diversa dal solito.
Nel complesso sono abbastanza soddisfatta.


13 commenti:

  1. Neanche una critica? bugiardo!!
    :-)

    RispondiElimina
  2. grazie Fiore.
    Oggi ho raccolto i fiori di zucca nell'orto di mia sorella e pensavo di farli come mi ha detto Max, ma poi avevo fame, ero stanca e c'ho fatto una frittata :-)))

    RispondiElimina
  3. La carne di manzo cruda mi piace moltissimo ma non ho mai assaggiato una tartare per timore che il tuorlo crudo non mi piacesse. Questa versione con tuorlo surgelato mi invoglia. Alla prima occasione la provo. Glò

    RispondiElimina
  4. Glò, se leggi bene il tuorlo crudo c'è ma montato come una maionese e poi unito alla carne.

    RispondiElimina
  5. a proposito Glò, cerca di non fare un paopocchio come me con il tuorlo congelato, dovrebbe coprire la tartare come fosse parmigiano ma a me non è riuscito.
    Ma la rifarò prima o poi...
    :-)))

    RispondiElimina
  6. bellissima questa ricetta... e che idea quella di congelare il tuorlo!

    devo provarlo su una tartara di riccola che aveo intenzione di fare presto.

    max

    RispondiElimina
  7. ciao daniela, complimenti per la ricetta (anche a massimo che vorrei "provare" da tempo, ma ancora non mi e' riuscito di andare).
    Stasera, complici tre fette di filetto che attendono di essere gustate, provero' questa tartare, ma non ho sedano in casa, quindi, forse per la presentazione pensero' a qualcos'altro, sperando di non falsare troppo l'originale.
    Un'altra informazione: se volessi invece dare un'altra forma? ho le cupolette e anche la piramide (la piramide mi piace da morire per il risotto)
    Complimenti ancora anche per le altre ricettine: ti terro' d'occhio ;)

    RispondiElimina
  8. Max, mi era sfuggito questo commento.

    Cinzia, penso che tu possa provare una delle due, piramide o cupola sono entrambe belle. Se fossimo in primavera al posto del sedano proverei le puntarelle. O il finocchio tagliato finissimo.

    RispondiElimina
  9. grazie, Daniela!
    ieri sera, alla fine, mi sono adattata a fare una tagliata, ma questo weekend, provvedo a realizzare la ricettina da te cosi' ben descritta e ti faro' vedere.

    RispondiElimina
  10. Fatta! un gran successo anche se la mia salsina e' venuta abbondante per tre tartare da 80 g l'una.
    Molto buona, davvero! ottima per questa afosa giornata palermitana.
    Grazie mille.

    RispondiElimina
  11. Cinzia, ma alla fine che forma gli hai dato?
    Sono contenta che ti sia piaciuta :-DD

    RispondiElimina