30 novembre 2007

I bicchierini veloci


Non sono niente di speciale, ma sono facili e veloci da fare (soprattutto non ci sono pesi e misure strane da ricordare). E considerando che mi era stato chiesto un dolcetto sfizioso la sera prima per il pranzo di domenica non avevo molto tempo.
La base è la stessa per entrambi. Biscotti digestive sbriciolati, ma in mancanza qualunque frollino può andare bene, poi mele renette a cubetti cotte con poco zucchero, un pizzico di 5 spezie, uvetta e pinoli aggiunti alla fine.

Per il bicchierino bianco:

100 g cioccolato bianco
100 g crema di latte fresca
granella di pistacchi

Fondere il cioccolato a bagnomaria, quando si è raffreddato ma non solidificato aggiungere delicatamente la crema di latte montata e un po' di pistacchi tritati fini.
mettere a strati nei bicchierini e decorare con pinoli glassati e granella di pistacchi tritata grossa.

Per il bicchierino fondente al tè Lapsang Souchong :

100 g cioccolato fondente (ognuno può usare quello che preferisce, io avevo un Baratti all'80%)
100 g crema di latte fresca
un cucchiaino di tè Lapsang Souchong

Scaldare la panna fino al bollore, mettere in infusione mezzo cucchiaino di tè e filtrare dopo pochi minuti. Versare la panna calda sul cioccolato tagliato a cubetti, mescolare bene fino al completo scioglimento. Mettere la ciotola in una più grande con acqua e ghiaccio e montare il composto con le fruste fino a quando non è freddo e ben sodo (non esagerare o si fa il burro).
Fare i soliti strati di digestive e mele come nei primi bicchieri e mettere sopra la ganache montata con l'aiuto di un sac è poche magari con la bocchetta zigrinata (che io all'ultimo momento non trovavo più).
Decorare a piacere, io avevo i soliti pinoli glassati.

Mettere i bicchierini in frigo e mangiare dopo almeno 3 ore. La cosa divertente è che se ne posson mangiare 2-3 a testa.


questa ricetta partecipa alla raccolta le Ricette in un bicchiere di Morettina

12 commenti:

  1. I bicchierini mi piacciono proprio!
    Dolci non li ho mai provati. Rimedierò domenica prossima.

    RispondiElimina
  2. Il bianco era migliore come consistenza, il nero come sapore :-)

    RispondiElimina
  3. Mi piacciono molto i dolci serviti nel bicchiere, queste tue ricette sono da copiare subito.
    Usando le sole creme (senza guarniture), pensi sia possibile alternarle nello stesso bicchiere, o le due consistenze sono troppo diverse?

    RispondiElimina
  4. Bella idea il lapsang con il cioccolato, anche se i contorni restano molto scuri, affumicati, appunto.
    Potresti provare un darjeeling, magari un giardino buono ed importante come il Makaibari o il Puttabong (magari pure un 1st Flush e non pensate ad un eresia) con il cioccolato Bianco. La freschezza ed il piglio pungente del darjeeling non ci dovrebbe stare male.

    RispondiElimina
  5. Elisabetta, hanno due consistenze diverse, magari le puoi alternare s e usi lo stesso metodo per entrambe cioè quello che ho usato per quello bianco.

    Guest, ho preso l'idea da un gelato della Fata Morgana a Roma. Mi piaceva l'idea dell'affumicato. In realtà bisogna dosarlo bene, se abbondi è immangiabile.
    Ma proverò con altri tè, grazie.

    RispondiElimina
  6. i bicchierino hanno sempre quel non so che in più!!
    davvero carini!!

    RispondiElimina
  7. Ciao Tulip, pensavo di farli più piccoli però :-))

    RispondiElimina
  8. Il problema (!) dei dolci al bicchiere è che non puoi tagliarne una fetta :) Te li devi mangiare fino a pulire il vetro con il pane!
    Ma quando mi inviti???
    Un amico che non ti ha dimenticato...

    RispondiElimina
  9. Ro, non farmi sentire in colpa, non sto invitando quasi nessuno :-)))))

    RispondiElimina
  10. dubbiosa '7405 dicembre, 2007 11:22

    Ciao!Scusa la domanda ignorantissima (ops) crema di latte fresca, poi montata? Qual'è? Devo fare la panna montata, quindi? Mumble... Dubbiosa '74

    RispondiElimina
  11. Dubbiosa '74, la crema di latte fresca è la panna fresca da montare quella fresca con scadenza, spesso per panna si intende quella da cucina che è UHT, a lunga conservazione, ma è da evitare perché è inferiore come sapore e come qualità

    RispondiElimina