19 gennaio 2011

Cena filippina "vera"!!!

Spesso i ristoranti etnici presentano piatti addomesticati ai gusti italiani, quando si trovano quelli originali è una fortuna e a volte il rischio è che non tutto sia di nostro gradimento.
Reslie, di nazionalità filippina, ha cucinato questa cena a casa di mia sorella. Mi ha detto che fa cene su ordinazione e partecipa all'organizzazione di serate ed eventi.Inutile dire che era tutto fatto in casa e che mi è piaciuto molto. Il fritto era leggero, asciutto e croccante e la digestione (fatto fondamentale) è stata velocissima:

involtini primavera (vegetariani), tutti gli ingredienti sono precotti durante la preparazione e vengono mangiati anche senza friggerli, accompagnati da una salsa a base di soia
involtini Shangai (più piccoli e ripieni di carne)
noodles durante la cottura e le verdure con i gamberi d'accompagnamentoAdobo di pollo (ricetta)
accompagnato con riso bianco (cottura orientale, il metodo passivo)salse varie di accompagnamento


Aggiungo il consiglio del nostro sommelier Massimo Marchesi di MilanoVino, che ringrazio:
Non facile l'abbinamento innanzitutto perchè si tratta di preparazioni multiple poi perchè è una cucina che non conosco bene ma penso di essermi fatto un'idea anche solo guardando le foto.
Io ci metterei un Pinot Bianco dell'AltoAdige perchè, come tutti i vini di quella zona, ha una bella freschezza in bocca utile a contrastare il fritto (per quanto leggero è comunque fritto) in più mi sembrano preparazioni delicate quindi, forse, il Gewurztraminer avrebbe coperto un po' troppo i gusti del cibo. Oppure una gran bella birra lager ghiacciata! Grado alcolico basso, effervescenza a contrastare il fritto, e sopratutto una grande versatilità.

14 commenti:

  1. Looks nice! Involtini primavera e involtini shanghai look - at least from the outside - like the similar dishes in Vietnamese cuisine, which i love dearly too.

    RispondiElimina
  2. Adoro la cucina etnica. Purtroppo da noi i ristoranti con queste preparazioni sono da scartare. Peccato che non hai inserito le altre ricette oltre a quella del pollo. Pensi che un giorno l'artista che ha cucinato questi piatti te le darà? Un saluto affettuoso
    M.G.

    RispondiElimina
  3. @spacedlaw, organizziamo una cena filippina vera per i foodblogger?
    :-)))

    Picetto, al ristorante sono spesso titubante non conoscendo la cucina originale di alcuni paesi, ma in questo caso ero in casa. Chiederò le ricette alla cuoca che per ora è tornata un mese al paese d'origine

    RispondiElimina
  4. Che vi siete bevuti con questo? L'abbinamento di bevande con piatti esotici, sopra tutto se speziati (picanti) è assai difficile.

    RispondiElimina
  5. Sarebbe bello farci un evento Slow Food. Che ne dici?

    RispondiElimina
  6. @spacedlaw io ci vedo bene un Gewurztraminer (gusto personale) e tu cosa consigli?

    @andrea, parliamone!!!! ci sto!

    RispondiElimina
  7. Mi ha colpito il "fritto asciutto e croccante e sopratutto digeribile": una rarità ....

    RispondiElimina
  8. Milen@ considera che il tutto era cucinato in casa quindi sotto controllo :-)

    RispondiElimina
  9. @Spacedlaw, ho aggiunto il consiglio del sommelier

    RispondiElimina
  10. Grazie. In effetti, sarrei piu volontieri andata sulla birra, ance se, in Francia, molta gente beve il rosato fresco con cibo vietnamita (o "cinese").

    RispondiElimina
  11. NOn avevo pensato alla birra e anche io mi trovo d'accordo :-))

    RispondiElimina
  12. Grazie Daniela, le attendo con molto piacere, un saluto super affettuoso
    M.G.

    RispondiElimina
  13. @Elizabeth, quando torna la cuoca :-))

    RispondiElimina