09 luglio 2011

La ricetta della felicità


Ogni famiglia ha la sua versione di lasagne e allo stesso modo non credo che esista una ricetta unica per ottenere la felicità. Di sicuro, come in cucina, ci sono degli ingredienti che sarebbe meglio non usare ed altri sì, alcuni che vanno dosati in quantità infinitesimali e altri di cui si può abbondare a piacere. Una volta scelti gli ingredienti giusti, ognuno può usare la propria creatività per mischiarli secondo il proprio gusto personale.
E' sufficiente conoscere bene questi ingredienti e sapere che effetto ci fanno, di quali ci piace il loro gusto e come reagiscono tra loro.
Se guardiamo nel frigorifero e nella dispensa della nostra vita abbiamo già alcuni ingredienti lì belli pronti, per qualcuno può essere un lavoro di soddisfazione o quello che dà la possibilità di seguire i propri sfizi nel tempo libero, o ancora quello che permette di dare il necessario, per vivere bene, alle persone che si amano. Qualcun altro potrebbe trovare questi ingredienti di base nella famiglia, nella persona che si ama o nei propri figli. Gli ingredienti e i gusti sono personali. Chissà, in un angolo nascosto della dispensa potremmo trovare un amico che non ricordavamo di avere, un po' impolverato e dimenticato. Basta dargli una lavata ed è lì come nuovo.
Dopo aver fatto la lista di quello che abbiamo già potremmo aver bisogno di comprare qualcosa che per noi è indispensabile per la buona riuscita del nostro piatto.
Allora avendo ben in mente cosa vogliamo ottenere usciamo pronti a procurarcelo; se è proprio quello che vogliamo siamo anche pronti ad andare in un negozio molto lontano, non importa se ci vuole tempo, siamo disposti a rimandare la preparazione a domani, tanto nella nostra mente ci stiamo già pregustando quanto sarà bello e buono e chissà... un po' felici lo siamo già.
Poi quando abbiamo tutto quello che ci serve ci armiamo di bilancia, di attrezzi giusti e di pazienza e iniziamo a dosare, ora questo, ora quello. E giriamo, mescoliamo, impastiamo. Impastare a volte è faticoso, sì ma ci piace perché a ogni movimento l'impasto è più liscio, più facile da lavorare e finalmente abbiamo preso la mano. Bastava decidersi e iniziare.
Adesso dobbiamo dare corpo al piatto, passare alla cottura, differenziarla se necessario per ogni ingrediente e ... poco per volta iniziano a diffondersi nell'aria gli odori giusti.
Ecco, la nostra felicità prende forma, si spande con i profumi di cottura, arriva al naso dei vicini e li incuriosisce, li fa sorridere senza sapere perché e risveglia curiosità e desiderio della felicità che ci siamo cucinati.
E allora qualcuno più coraggioso osa e ci chiede la ricetta, ma noi siamo andati a braccio e non l'abbiamo scritta. Però ricordiamo i passaggi, come l'abbiamo ottenuta e sorridendo la raccontiamo in modo che ognuno guardi nel proprio frigo e nella dispensa, vada a comprare il suo ingrediente segreto speciale e faccia la propria personalissima ricetta della felicità.



Si impara ad essere felici fermandosi ad annusare le rose lungo il sentiero della vita
(Richard Bandler)

5 commenti:

  1. Perchè ci sono delle persone a cui manca sempre un ingrediente per cucinare il suo piatto.... e persone che aprono il frigorifero e preparano delle cose deliziose con quello che hanno... senza preoccuparsi molto degli ingredienti che mancano? potranno sempre comprarli più tardi.
    Il rischio è quello di non cucinare mai il piatto migliore della nostra vita se aspettiamo di avere tutti gli ingredienti.

    Molto bella la metafora tra il piatto da cucinare e la felicità... spero di diventere un bravo cuoco :-)
    Uby

    RispondiElimina
  2. Grazie del tuo parere Uby. Preziosissimo.
    E uqnato è vero che se aspettiamo che tutto sia perfetto per goderci la vita non lo faremo mai.
    :-)

    RispondiElimina
  3. Che bello questo post, mi sono rivista in moltissime tue descrizioni. Penso che, in fondo, qualunque ricetta noi decidiamo di creare e, poi, portiamo a termine, sia una ricetta della felicita. Anche acquistare gli ingredienti per prepararla ne è una componente. Come nella vita quotidiana, mettiamo insieme tanti tasselli per portare a termine un obiettivo. Baci
    M.G.

    RispondiElimina
  4. @Picetto, sono contenta che ti sia rivista :-)

    RispondiElimina
  5. Grazie cara,ho detto tutto ciò perchè ritengo che ogni ricetta che preparo sia una ricetta della felicità, baci, baci
    M.G.

    RispondiElimina