23 ottobre 2017

Salsa Ajvar con tuile di farro e sesamo. La ricetta del lunedì.


Ho preso spunto da una ricetta del  blog di Paola Lena che pubblica sempre  cose  deliziose. Questa è  una  di quelle, semplice ma  goduriosa. Ho letto e rifatto a memoria dopo  aver cercato altri spunti  su internet.


L'ajvar è una salsa molto diffusa in tutti i Balcani. Gli ingredienti principali sono i peperoni, le melanzane e l'aglio. Esistono versioni dolci, piccanti o molto piccanti. Questa  salsa può essere spalmata sul pane e usato come accompagnamento della carne, come i  tipici cevapcici (ćevapčići, polpettine di manzo e maiale) e l'insalata.

La preparazione dell'ajvar è relativamente semplice, richiede solamente una certa quantità di tempo per cuocere le verdure al forno e per spellare i peperoni cotti. La varietà di peperone utilizzato è quello cosiddetto cornuto, che è largo, rosso, a forma di corno, ha una buccia facile da togliere e matura alla fine di settembre primi di ottobre. L'ajvar si prepara tradizionalmente a metà autunno quando i peperoni sono più abbondanti, spesso famiglie intere si riuniscono con i vicini per prepararlo.

Nei paesi peperoni e melanzane vengono cucinati su un piatto sopra la stufa o nel forno,  poi vengono fatti raffreddare in modo da facilitare l'operazione di eliminazione delle bucce e dei semi. Successivamente vengono frullati con olio (che in  questi paesi  è  di girasole) e  aglio e conservati in barattoli di vetro.

2 peperoni rossi dolci
1 melanzana
1 spicchio d’aglio
3 cucchiai di olio di semi di girasole
sale
facoltativo peperoncino piccante

Lavare i peperoni e la melanzana e metterli interi su una teglia da forno. Cuocerli in forno a 200° C per 45/50 minuti, girandoli ogni tanto finché non saranno abbrustoliti. Far raffreddare i peperoni in una busta di carta da pane o in un  foglio di alluminio affinché la  pelle  si stacchi da sola e si potranno spellare facilmente.
Togliere la polpa della melanzana dalla buccia con un cucchiaio.
Tritare con un coltello la polpa dei peperoni e della melanzana e metteteli a cuocere in una pentola con l’olio insieme allo spicchio d’aglio tritato finemente e a un pizzico di sale. Cuocere fino a quando il  composto non risulti ben asciutto e cremoso.
In alternativa tagliare le verdure a pezzi grossolani dopo averle sbucciate e tritare  tutto al minipimer.
Volendolo conservare per  l'inverno mettere il  composto ancora  bollente in vasetti di vetro, chiuderli bene e  sterilizzarli facendoli  bollire  30 minuti in  acqua e  raffreddare  nella stessa  acqua.
L'ho accompagnata con una tuile (tegolina) di  farro e sesamo, nata  dalla rielaborazione di una ricetta trovata in  rete:

80 g  acqua
40 g  olio
20 g  farina di farro
cucchiaino di sesamo precedentemente tostato
pizzico di sale

Unire tutti  gli ingredienti. Scaldare una padella e versare una piccola quantità di composto. Cuocere e quando è  pronto togliere con una  spatola, mettere ad  asciugare su  carta forno e continuare con il resto del  composto.

2 commenti:

  1. Sembra buona peccato per il peperone! Ahahahahah ��

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti ti ho pensata molto :) Fallo solo con melanzane allora (se ti piacciono)

      Elimina