26 marzo 2006

Pizzarium

Ieri sono passata al Pizzarium la mitica pizzeria a taglio di Gabriele Bonci. E' lui che mi ha dato il lievito madre di 80 anni che uso sempre per fare il pane. Ed è lui che ha affinato le mie esperienze nella lievitazione. Lo ringrazio pubblicamente perchè sopporta tutte le mie domande.
La pizzeria vista da fuori, dietro i vetri si vede Lisetta la fidanzata di Gabriele che serve tutti con un sorriso sulle labbra.


Ho assaggiato una classica margherita

poi una pizza con le patate
carciofi e gorgonzola (qui prima di essere riscaldata per far fondere il formaggio)

bufala e basilico

un supplì espresso e NON surgelato fatto con il risotto vero. Da provare i suoi arancini: con ragu di anatra, con spezzato di chianina, con coda alla vaccinara. Oppure le crocchette patate e baccalà e a volte patate, baccalà e tartufo. Uno spettacolo.

questa è una sezione della pizza bianca dove si vede bene l'alveolatura frutto di una lievitazione lunga.

il pane

Il tutto accompagnato da una birra Pustertal scelta dalla ricca selezione di almeno 50 etichette.

Una pizza da assaggiare almeno una volta nella vita, per le ottime materie prime utilizzate a iniziare dalla farina del Mulino Marino, i pomodori di Nonna Amalia, l'olio, i salumi sono di pierangelini e la carne degli arancini sono di Parisi e tanti altri.

Gabriele nasce come cuoco e da qualche anno si dedica alla pizza. M a questo spiega il suo amore per la ricerca di nuovi accostamenti, mai azzardati, ma spesso originali e con ingredienti poco noti alla città di Roma come la pizza zucca e bagoss o zucca, broccolo romano e bagoss... e tante altre.

Da provare.

Pizzarium
via della Meloria 43
06-39745416
chiuso domenica

39 commenti:

  1. ci andrò, dani. la vola scorsa avevo lasciato gli occhi sulla pizzeria dalle parti di cinecittà... difficile che riesca ad andarci. ma questa è dietro casa, e seguirò il consiglio.

    RispondiElimina
  2. Penso che editerò e scriverò che Gabriele è anche il mio maestro di pane e di lievitazioni.
    Tieni presente che Stefano di Sforno e Gabriele del Pizzarium sono in stretto contatto e si scambiano continuamente idee ed esperienze. Adesso usano entrambi un lievito naturale di 200 anni che mi farò dare al più presto.
    Vai e non ti pentirai.
    Il trianglo si chiude con la Gatta mangiona a Monteverde di cui parlerò prossimamente.

    RispondiElimina
  3. questo me lo segno!
    Mi capita raramente di passare da Roma, ma visto che sono una fissata di pizza ed affini quasi quasi svengo alla vista delle tue foto!
    Sai Daniela, dalle mie parti trovo del pane con il lievito naturale strepitoso. E' ottenuto con una miscela di farine semi integrali ed è buonissimo.
    Ciao!

    RispondiElimina
  4. la gatta mangiona la conosco, ci ho abitato vicina per tre anni e ci andavo spesso. la pizza, in effetti, è ottima e sempre arricchita con ingredienti particolari. proverò il pizzarium. fra l'altro, con la bella stagione, è anche piacevole andarci a piedi, da via cola di rienzo...

    RispondiElimina
  5. Pizzarium è una pizzeria a taglio quindi si mangia in piedi... ma mi aspetto grandi sorprese da gabriele...
    Per chi non lo sapesse, Gabriele è uno chef che da qualche tempo si dedic a alla pizza, da qui deriva la sua bravura e sensibilità nel creare gli accostamenti

    RispondiElimina
  6. Che jella!
    Sarò a Roma a fine aprile per lavoro... ma purtroppo dalla parte opposta della città.
    La pizza me la devo solo immaginare dalle tue foto... sigh :o(

    RispondiElimina
  7. Devo dissentire con te sulla gatta mangiona. Ci sono stata parecchie volte e solo la prima ho mangiato bene. La pizza non è male, è vero, ma come si legge di questi tempi sui blog, un ristorante deve offrire anche altro. Per cominciare la qualità deve essere quanto meno costante e per finire il servizio ..... nota dolentissima per quasi tutti i ristoranti che conosco. In mezzo ci sono tante altre piccole cose (apparecchiatura della tavola, menù aggiornati/puliti/curati, bagni, decoro generale etc.) che fanno la differenza.

    RispondiElimina
  8. Oh bella, ero convinto questa mattina di avere scritto un post proprio qui e invece non lo trovo. Eeeeeehhhhh, l'influenza gioca brutti scherzi!
    Insomma provo a ricordare cosa avevo scritto:
    Se è quello vicino via Cipro, lo conosco bene, visto che fino a 6 mesi fa lavoravo lì vicino.
    Ricordo che la pizza era buonissima ma, per i miei gusti, un po' pesante, forse troppo ricca. Fatto sta che me ne bastava poca per saziarmi; in genere preferisco pizze più digeribili e meno cariche, ma rimane qualitativamente una delle migliori in assoluto a Roma.
    Rob

    RispondiElimina
  9. Mi sa che il tuo contatore fa le bizze o l'hai messo da pochissimo, come fa a contare solo 52 visite?
    Anche solo leggendo tutti i post siamo a molto di più.
    Rob

    RispondiElimina
  10. L'ho messo ieri, dovrei aggiornarlo dici?
    :-))

    e che faccio? conto tutti i commenti?

    Roberto, la pizza di Gabriele non è pesante come impasto ma in salcuni casi molto ricca di condimenti, se prendi i gusti classici non avrai problemi a digerirla perchè le lunghe lievitazioni ne fanno una pizza "predigerita". Parlo sempre di impasto.

    RispondiElimina
  11. Che meraviglia di pizze, ma che forno utilizza per la cottura? Chissà se si può ottenere qualcosa di simile a casa......

    RispondiElimina
  12. Usa un forno elettrico professionale, credo che arrivi a temperature molto più alte di quelli casalinghi

    RispondiElimina
  13. Ho postato prima di aver chiuso il discorso.
    A Napoli c'è Micky che è stato allievo di Gabriele, l apizzeri a si chiama Happy hour e si trova vicino a piazza municipio.
    Happy Hour, via G. Pisanelli 26 Piazza Municipio Napoli. (Strada parallela alla piu' famosa Via Santa Brigida).

    RispondiElimina
  14. Che tesoro di pizza!!

    TATTTTTTTTTT

    RispondiElimina
  15. Uh, che idea! Chissà che nel mio breve tour romano non riesca a passare di là... Già temo che in due giorni butterò alle ortiche i sacrifici di un mese di dieta per smaltire gli eccessi natalizi... sigh...
    Per me che sono foresta è tanto fuori mano?

    RispondiElimina
  16. Venere, è centralissima, a due passi dai musei vaticani e all afermata Cipro della metroA. Dipende tu dove sarai :-))))))

    RispondiElimina
  17. Ma la consegnano anche ad Aosta?
    Kat e Remy

    RispondiElimina
  18. Dubito, ma sono disposta a portarla io :-)))))))))

    RispondiElimina
  19. ma quanta pizza :-)))
    Dani, leggi qui:
    http://ilcuoreeunafrattaglia.splinder.com/post/7583868/Aggregazioni+%28spontanee%29
    Non ti chiedo manco se vieni che lo so che a sforno non resisti :-)))
    Ci vediamo li!!
    baci,
    S

    RispondiElimina
  20. Daniela carissima, magari un sato al Pizzarium riusciamo a farlo per pranzo, ma mi sapresti suggerire un posto carino, senza eccessi, dove però ti trattano bene (vedi meme ristoranti...). Saremo vicino agli studi del Nomentano... Grazie 1 bacio

    RispondiElimina
  21. Ciao Dany,
    ti avviso che ho cambiato il mio "nome blogger" da laVINIum a RoVino, per questioni di correttezza. Lavinium identifica più persone e non voglio coinvolgere altri nelle mie scelte e idee, visto che il blog è un sito "aperto".
    Ciao
    Roberto

    RispondiElimina
  22. Ok, vado a vedere.

    Grazie.
    :-)))

    RispondiElimina
  23. Grazie Dani ti farò sapere!

    RispondiElimina
  24. Ottimo gancio!Lunedì 3 sono a Roma e porterò gli arancini a mio figlio.
    Ciao psycook

    RispondiElimina
  25. Ieri sera siamo passati al Pizzarium... E' stata una giornata decisamente stressante, forse per quello siamo rimasti un po' delusi qundo non abbiamo trovato nemmeno una panchina per sederci... Chissà perchè mi ero immaginata che ci fosse... forse ero stata tratta in inganno dalla selezione di birre che on poteva starci in un take away... Forse perchè era sera, la scelta di pizze non era esagerata, degli arancini, delle crocchette e del supplì nemmeno traccia... Indubbiamente la pizza era notevole, quell'impasto lievitato come Dio comanda fa davvero la differenza... Magari se riuscivamo a passarci per pranzo...
    ps: ti ho salutato la Moroni, ha detto che è tanto che non ti sente, quindi... fatti sentire!
    baci

    RispondiElimina
  26. grazie... io purtroppo ho il video registratore fuori uso e non ti ho potuta registrare? Com'è andata?

    RispondiElimina
  27. la pizza di gabriele è formidabile.io sono di roma ma vivo a venezia e ogni volta che torno a trovare la nonna passo a prendere un po' di pizza al pizzarium.è impareggiabile,la consiglio a tutti.Federica

    RispondiElimina
  28. Lo penso anche io, ma io sono di parte :-)))))))))))))))

    RispondiElimina
  29. Chi ha provato Etzi su via Pineta Sacchetti vicino al Gemelli? Una giorno alla Cittàdel Gusto ho seguito un mini corso sulla panificazione condotto da Bonci (Gabriele) e Etzi...

    RispondiElimina
  30. Ciao, ho letto spesso di questa pizzeria e finaolmente con gianluca la abbiamo provata due settimane or sono convinti dai giudizi favorevolei di Marco del ristorante PRIMO AL PIGNETO e ci siamo trovati di fornte una delle pizze da Oscar che Roma possa offire. Da poco Gabriele ha aperto Bir & fud dietro piazza Trilussa già citata dal Gambero rosso di quest'anno. Provatele entrambi e non rimarrete delusi
    ciao
    Sherry alias Roberta

    RispondiElimina
  31. Sherry, in realtà Gabriele da Bir&Fud è solo un consulente, ma quello che dici sulla qualità è tutto vero.

    RispondiElimina
  32. Scegliete a chi dare soldi anche in base ad altri criteri...
    E' molto cara e non fa mai gli scontrini! Ci rubano il 20% di ciò che gli diamo nonostante sia caro ed è chiaro che la voce più alta dei costi è quella del personale.
    Preferirei che qualcuno parlasse di più di un posto in cui si mangia male ma che rispetta l'Italia e gli italiani.

    RispondiElimina
  33. Anonimo, è facile lanciare accuse nascondendo il proprio nome. Di chi parli di pizzarium o di bir&fud? Io in entrambi ho mangiato bene e mi hanno sempre fatto lo scontrino.

    RispondiElimina
  34. Daniela, lascia perdere.
    E'solo un post confusionario e sconclusionato di un troll.

    Ci rubano il 20% di ciò che gli diamo nonostante sia caro ed è chiaro che la voce più alta dei costi è quella del personale.
    Preferirei che qualcuno parlasse di più di un posto in cui si mangia male ma che rispetta l'Italia e gli italiani.


    Ti suggerisco di aspettare per un po' la controreplica, se dovesse arrivare, poi cancellerei.

    RispondiElimina
  35. ho visitato il suo Blog in seguito alla intervista da lei rilasciata su "Gambero Rosso" e colgo l'occasione per complimentarmi con lei.
    anche io sono proprietario di un ristorante ( le lascio l'indirizzo del mio sito, www.l'oasiristorante.com)e sarei lieto di poter apprendere presso la sua azienda le tecniche di lievitazione naturale e impasti per pizza.
    certo di una sua risposta le invio i miei più cordiali saluti.
    Fabio curcio.
    il mio indirizzo di posta elettronica è martina.info@l'oasiristorante.com

    RispondiElimina
  36. ¡Hola desde...Bélgio! :-) Habiamos visto "Pizzarium" en la televizione franchesa l'anno passato é, visitando Roma, almuerzabamos allí é... stupendi pizze...

    RispondiElimina
  37. maronna che passione la pizza!! Da mangia' ovviamenteeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!! :-))) CIAO SILVIA
    http://acquaefarina-sississima.blogspot.com/

    RispondiElimina