24 gennaio 2007

costine marinate alla brace (ricetta di Nicola Cavallaro)


Dopo molto tempo ho riacceso il bbq e l'ho fatto per provare una ricetta che mi ha suggerito Nicola Cavallaro dell'omonimo ristorante di Milano. Confesso che quando ho letto come si faceva la marinatura non ero convinta per niente, ma l'ho voluta provare e penso che la rifarò ancora, nonostante io non ami molto la Coca Cola.

Questa la ricetta di Nicola che prevede l'uso di carne bovina, io ho usato il maiale e il risultato mi è piaciuto molto:

Marinare la carne da 6 a 9 ore a seconda delle dimensioni con cipolla aglio pepe e Coca Cola. Tenere la cipolla e scartare tutto il resto, cuocere la carne alla griglia e stufare la cipolla meglio se rossa in padella con aggiunta di poco sale (io ho messo anche poco olio). Questo tipo di marinatura è usata anche da Igles Corelli.


Carne usata:
l'ideale è provare a farsi tagliare al contrario il biancostato di qualche animale serio, tipo asado* per capirsi, farla marinare e cuocere lentissimamente sulla griglia con la brace.

* = Cioè invece di tagliarle per il lungo farle tagliare in orizzontale in modo che tra una costoletta e l'atra ci sia la carne come nella foto.

http://www.ciro-escritor.com.ar/imagenes%20hechas/images/asado.gif

25 commenti:

  1. Coca cola??? La proverò la prossima volta che faccio carne alla brace a casa! Che ideona...a me la coca piace...bevo la ligt, sarà uguale?Però da bere ci abbino qualche altra cosa magari! Grande Dani...io col blog mi sono arenata...poco tempo per la cucina ultimamente!

    RispondiElimina
  2. Light? Con tutto quell'aspartame?

    Dani, bella ricettina, però forse ha ragione Nicola, la carne di maiale è già più dolcina, marinarla con la coca non è che sia un po' troppo?

    Ti sei accorta che le accentate danno problemi in alcuni titoli che hai messo??

    RispondiElimina
  3. Raissa, infatti io non userei la light, tanto poi la marinata si butta, anzi io che non posso assumere caffeina uso la normale o quella decaffeinata?

    Andreadago, eppure era buona, in fondo la coca cola è anche acida, secondo me non stonava... ma proverò anche con la carne bovina e ti dirò, oppure prova tu...

    RispondiElimina
  4. Tu usi la coca cola? Vedi un pò cosa usa questo chef alla fine...il piatto si chiama così (avrà un menu pesantissimo se sono tutti così lunghi): Lasagnetta di ghiaccio farcita con una mousse di carbone vegetale (?) accompagnata da un grissino di mais soffiato, intimamente arricchita da una salsa al polline, rinforzata da una leggera brezza di polvere di "big babol" all'aroma di fragola...domani trota marinata nel calippo! Eh eh...

    RispondiElimina
  5. mi piacerebbe vedere una foto del piatto...

    chissà cos a intende per big babol, quelli veri? allora l'aroma di fragol a è sintetico, spero di no che sia solo uno scherzo e che abbia solo giocato con le parole.

    RispondiElimina
  6. Grazie Andreadago, ho corretto gli errori.
    :-)

    RispondiElimina
  7. Per vedere piatto e ricetta vai qui http://www.medagliani.it/Ita/Interviste/Interv_consigli.asp
    in basso...
    Usa i chewing gum, giuro!
    Brrrrrrrrr...

    RispondiElimina
  8. maricler, ho visto e letto... tra l'altro secondo me hanno invertito la prima e l'ultima ricetta, anzi hanno scritto due volte la stessa ma con un titolo diverso.

    Comunque non commento (che è peggio)

    RispondiElimina
  9. a cosa serve usare la coca-cola per questa marinatura? Per rendere la carne come?

    RispondiElimina
  10. ciao Dani! La nuova versione mi mette in crisi, provo e riprovo e non mi accetta i commenti, è sparito anche quello sulla sushi torta.
    A me sembra molto divertente, colorat a e allegra, magari come fine pasto mi lascerebbe qualche dubbio...
    La carne marinata a me piace molto, in tutte le salse e marinature
    ciao Dani!

    RispondiElimina
  11. anche una mia amica argentina una volta aveva fatto il coniglio marinato con la coca-cola,
    ricordo che al tempo avevo storto un po' il naso; diceva che a volte lo usavano anche per l'asado.
    Personalmente, preferisco però la versione classica, il risultato era un po' troppo dolce.

    RispondiElimina
  12. Francesca, girerò la domanda a Nicola per una risposta più tecnica, ma secondo me si caramella di più e in alcuni punti fa una bella crosticina.

    Rosso Fragola: anche io ho dei problemi, se non mi loggo prima di postare non mi prende i commenti... però ci sono molte funzioni in più.

    Isabilla: le mie costine non erano dolci, ma avvano solo uno sfondo dolciastro non male, in fondo la coca cola ha anche un po' di acido

    RispondiElimina
  13. Ho dimenticato una cosa x la Fragolina: non servrei la torta di sushi come dolce, è solo un divertimento, ma sempre di piatto principale si tratterebbe, non credi?
    :-))))

    RispondiElimina
  14. Curiosa!!!! :-)
    da provare, quest'estate!!

    RispondiElimina
  15. L'idea mi pare assurda (ma nel senso buono :-) e poi mica tanto che nelle marinate asiatiche in fondo lo zucchero ci va sempre... missa che non resisterò :-) (exit pure per me il maiale però)

    RispondiElimina
  16. Da quanto tempo manco da questo blog! Ho seguito il link inviatomi da Daniela e non ho resistito ad andare a curiosare nella pagina di Medagliani, attratta dalla parola "Lasagnetta di ghiaccio".
    Perché? Perché conosco bene Terry Giacomello e, anzi, ho una foto molto suggestiva di una sua Lasagnetta di ghiaccio (che invierò a Daniela), che preparò come dessert qualche anno fa ad una delle serate di Saperi e Sapori.
    Nell'articolo si cita il suo ristorante "La Vicinia". Purtroppo Terry ha dovuto lasciarlo, perché la sua cucina era troppo estrema per la zona e per la clientela che fino a quel momento aveva frequentato il ristorante, di proprietà della famiglia e da loro gestito secondo tradizione fino a quando i genitori decisero di dare spazio a quel figlio creativo e molto bravo tecnicamente, che loro adorano.
    Non ha funzionato e Terry è andato a fare il capo-partita da Ferran Adria (non lo stagista o il commis).
    Avesse avuto il ristorante a Milano, o in qualche altro paese diverso dall'Italia, probabilmente molti avrebbero gridato al miracolo. In un piccolo paese del Friuli, senza i capitali di qualche finanziatore, senza il sostegno delle guide ... non ha potuto fare altro che soccombere.
    Peccato, perché per quanto la sua cucina possa anche non piacere, perdendo un bravo sperimentatore, capace di fare "ricerca" e "avanguardia" gastronomica senza copiare pari pari le ricette di qualcun altro ci perdiamo un po' tutti. Senza considerare che faceva anche il docente di scuola alberghera.
    Scusate l'OT, ma quando vedo soccombere qualcuno che merita, mi spiace

    RispondiElimina
  17. Gourmet e Sigrid, provate e invitatemi. :-))))

    Pia, questa cosa che hai scritto del figlio di Medagliani mi ha fatto molto effetto, se fosse nato a Roma avrebbe avuto un successo molto diverso. In una città come questa c'è posto per tutti, buoni e cattivi.
    Che peccato che l'Italia abbia perso un cuoco così.
    Tu sei sempre preziosissima e ne sai sempre tante di cose. Bacio.

    RispondiElimina
  18. scusa, credi che si possa fare anche su una normale piastra in casa?
    Grazie
    massimo

    RispondiElimina
  19. Massimo, penso proprio di sì, avrai un risultato diverso, ma cattiv e non saranno.

    Io quando non accendo il BBQ faccio un'altra cosa, cuocio tutto sotto il gril del forno mettendo la teglia in alto e a parte il sapore di legna che manca la cottura viene bene e con gli stessi tempi della brace

    RispondiElimina
  20. Grazie per la prontezza!
    Provero' anche nel grill

    Grazie mille ancora
    massimo

    (sono sempre alla ricerca di nuove idee per cucinare :-))

    RispondiElimina
  21. Scusate, ma con le dosi come si fa?Tutto a occhio...

    RispondiElimina
  22. m_ki, ma sì, è un piatto salato, fai secondo i tuoi gusti. L'importante è che la marinata sia fredad e copra la carne

    RispondiElimina