13 giugno 2010

Pipero non fa ristorazione, regala emozioni.



E' sempre facile essere concentrati e "pronti" alla sfida quando si viene dati per perdenti, ma la vera arte del professionismo sta nell'eseguire una buona performance quando ci si aspetta che abbiate successo - questo distingue i veri campion. (Phil de Glanville [giocatore di rugby, UK])

Questa frase, che ho letto mesi fa in un libro, riassume quello che ho pensato subito dopo aver pranzato qui.



Dopo aver letto tanto sul "Pipero" sono finalmente stata da lui ad Albano una domenica a pranzo. Avevo già conosciuto Alessandro ad una cena del lontano 2007 da Colonna a Labìco. dove lui era il sommelier. E sinceramente stavolta mi ha lasciata davvero senza parole.
E' facile rimanere tiepidi o delusi quando si hanno grosse aspettative, invece quando lo chef Roy Caceres mi ha chiesto: "difetti?" ho saputo solo dire: "forse la conserva di banane era troppo dolce, ci sarebbe stata bene una punta di aspro o acido, leggera" tanto per non fare la parte di quella a cui va sempre bene tutto.
Per una recensione particolareggiata leggete sul web o su riviste importanti. Ce ne sono tante e molto autorevoli, piene di descrizioni particolareggiate. E' inutile che io mi unisca al coro di commenti positivi.
Io dico solo che tutti i piatti erano di un equilibrio e una delicatezza ricca di sapori sempre in armonia che è difficile trovare dall'inizio alla fine di un pasto. Godetevi le immagini ch e seguono senza i nomi, non servono, basta la fantasia per viaggiare. Alla fine ci sono le descrizioni per i più curiosi.





























www.pipero.it


-tigelle e lardo affumicato
-krapfen di parmigiano e gel di aceto rosso
-crema di pecorino brulè e composta di sedano

-crudo di fassona primavera 2010
-capesante corallo essiccato robiola e asparagi
-animelle e gambero rosso con passione
-spaghetto aglio olio e polvere di mare
-ravioli liquidi al blu del monviso asparagi e tartufo
-risotto bianco lumache opercolate e prezzemolo
-agnello piselli e liquirizia
-piccione, datteri e corn flakes
-cremino erborinato al cioccolato bianco e porto

-cacio e pere
-conserva pro-fumata cioccolato bianco e banane
-piccola pralineria

menu degustazione: 80 €

vini
birra Beaucanier
vin santo Isole e Olena 2000
champagne Billecart Salmon rosè


Pipero
Via del Collegio Nazareno, 14
Albano Laziale (Roma)
Tel/Fax 06.9322251-3397565114
Email info@pipero.it
Chiuso il martedì

Anche su:
Italian Linguini
La mia vita tra la carne

13 commenti:

  1. Dani non sai da quanto vorrei provarlo il tuo report mi ha fatto venire ancora più voglia!
    Quante cose particolari avete provato. Buona settimana

    RispondiElimina
  2. appena puoi vai, te lo consiglio

    :-)

    PS: ti ho scritto su twitter
    :-)

    RispondiElimina
  3. era da un po' che ci stavo pensando, ma ho sempre rimandato, aspettando che "maturasse" un po'. Ma ora basta, il tuo reportage mi ha definitivametne convinto! :)

    RispondiElimina
  4. che buffo Michelangelo, eppure ho scritto pochissimo

    :-))))

    RispondiElimina
  5. Non lo conoscevo, per me Albano vuol dire relax, la Cavia persa nei ricordi da fanciullo (faceva le vacanze estive lì) e soprattutto i Mont Blanc di Sesta e il caffè da Fortini e la carne in macelleria :)
    Ma coi tuoi consigli posso dare ora un tocco diverso la prossima volta al weekend a Galloro

    RispondiElimina
  6. :)
    Ma tu hai il doppio dei piatti di Stefano!

    RispondiElimina
  7. @ max ne ho fotagrafati pochi (diciamo che i primi piatti mi hanno tolto la concentrazione) e ho pensato solo a mangiare, ma anche io gli ho dato giù :-)

    RispondiElimina
  8. o ti ha convinto la citazione di Phil de Glanville?

    ;-)))

    RispondiElimina
  9. GNAMMMM SEMBRA TUTTO SQUISITO.. L'IMBARAZZO DELLA SCELTA =)


    dai un occhio a www.modemuffins.blogspot.com

    RispondiElimina
  10. Ho la fortuna di poter essere amico e collega di Roy ..condivido in pieno quello che dici Roy é un grande della cucina...sono certo che vista la sua giovane età sentiremo parlare a lungo delle sue doti!

    RispondiElimina
  11. @MMM, è così, l'imbarazzo della scelta. nel dubbio mangia tutto!

    @Andrea, è bello quando i complimenti arrivano da un collega, vero? Roy ha davvero una mano felice in cucina.

    RispondiElimina
  12. Che bella recensione e che bellissime foto!Ho conosciuto Roy durante la mia partecipazione alla prova del cuoco, ed è una persona umile,volenterosa e piacevolissima, non mi meraviglio che dia vita a dei piccoli capolavori.
    Spero di riuscire ad andare a trovarlo presto anch'io!
    Complimenti per il tuo blog, se hai tempo e voglia passa a cuoriosare nel mio,sono specializzata in antipasti e ricette salete!
    =)

    RispondiElimina