“ Il nostro obiettivo: elaborare una pedagogia che insegni ad apprendere, ad apprendere per tutta la vita dalla vita stessa.”.
(Rudolf Steiner)

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

28 aprile 2014

Focaccia libanese allo zaatar



Lo zaatar è una spezia  molto usata in tutto il medioriente. E'  composta  principalmente da alcune alcune piante locali  tra le quali spicca il timo a cui si aggiungono sesamo, sumac  e sale. Spesso può anche includere altre  Lamiaceae come origano e  maggiorana, cumino, semi di finocchio, santoreggia.
Ha diversi usi con verdure, carni e  pesci, ottimo  con olio  per  condire  l'hummus. 
Ma quello più caratteristico è come condimento di una focaccia molto simile alla nostra pizza bianca, chiamata  Manakish. Per questo motivo tempo fa l'ho usata su un pane e ci stava  molto bene.
Per  fare la  focaccia ho usato una  ricetta presa da Pan di Pane come dosi e con  un procedimento  molto semplificato. Nel post  originale ci sono  le diverse  dosi se  si usa  lievito madre solido o liquido. Io ho usato  un poolish fatto il  giorno prima con  lievito  di  birra, quindi le  mie  dosi  sono:

500 gr di farina tipo 0 bio,
380 gr di acqua,
150 gr di poolish (preparato la  sera  prima  con  75g farina + 75g acqua + 2-3  g  lievito di birra)
12 gr di sale
30/40 gr di olio
+ olio e  zaatar per emulsione finale.

Come dicevo la sera  prima ho preparato il  poolish con 75g farina + 75g acqua + 2-3  g  lievito di birra. L'ho fatto  lievitare tutta la notte  e il  giorno dopo aveva  delle  belle bollicine  fitte  e  numerose.
A questo  punto  l'ho sciolto in un ciotola che userò per l'impasto con tutta l'acqua.
Poco per  volta  ho  aggiunto la farina mescolando con la spatola fino a che l'acqua non è tutta assorbita.
Spolvero  con il  sale e aggiungo tutto  l'olio che mi aiuterà nel  fare le  pieghe. Nel frattempo faccio fare  un primo  riposo all'impasto.Faccio 4  pieghe  semplici e  riposo  20  minuti. Altre  4  pieghe  semplici  e altro  riposo. Il tutto  ripetuto 3-4  volte. Alla  fine  sarà passata  circa un'ora  e metto  l'impasto, coperto con pellicola, nel frigo  da 6 fino a 18  ore  al massimo (secondo quando  voglio cuocere  la mia focaccia ).
Quando  tiro fuori  l'impasto dal frigo  devo calcolare 2  ore di acclimatamento. Dopo di che  rovescio l'impasto  nella  teglia spolverata con semola  rimacinata affinchè non attacchi.
Ho allargato leggermente l'impasto con i polpastrelli delle dita oleati, con delicatezza senza  premere, partendo dal centro e muovendo verso l'esterno. Lasciare riposare l'impasto affinchè si rilassi  e perda  elasticità ed  eventualmente  allargare ancora. Non forzare mai l'impasto e  non toccarlo troppo.
Con le dita unte ho  fatto delle fossette su tutto l'impasto, a piacere si possono mettere erbe aromatiche a macerare in olio d'oliva per aromatizzare, io  ho  spennellato con  un'emulsione di  olio, sale  e  zaatar.
Poi  ho  lasciato  lievitare  in teglia.
Per la cottura ho scaldato il  forno a  200° C e  messo a  cuocere  la  focaccia  nella parte bassa  del  forno i primi 10  minuti e  in quella alta nei seguenti  20  minuti.

2 commenti:

  1. Conquistata!!!! Assolutamente da copiare e rifare, amo questo tipo di focacce salate aromatizzate!!!Non conoscevo lo zaatar....grazie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi fa piacere che ti piaccia, fammi sapere come va!!

      Elimina

LinkWithin

Ti potrebbe interessare anche: Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...