21 novembre 2016

Cake al tè matcha per il compleanno di SenzaPanna. La ricetta del lunedì.

C'ho messo un po' a scrivere questo post. Perché  l'emozione è tanta. Solo un anno fa  festeggiavo i 10 anni eppure non l'ho sentito  così tanto.
Sarà che  10 sono la  classica cifra  tonda, oppure che  sono stati  un  po' l'anno 0 e questo è come  un "primo"  anniversario.

Sarà forse che  questo 2016 è stato un anno intenso.
Ho iniziato una  collaborazione con un nuovo blog "Geologia e Cucina"  e  l'ho terminata da poco. Tutto  in  un anno.
Mesi fa come descrizione di Senza Panna avevo scritto "Una geologa in cucina" poi  il  blog e ora che la collaborazione è chiusa torno al passato. La  vita scorre, cambiano cose e persone e punti di vista.
L'importante è fare  piccoli adattamenti e restare in piedi.

Da pochi mesi sto praticando il Tai Chi Chuan, la meditazione in movimento, e trovo molte analogie in questa disciplina con la  vita. Non si possono liquidare in poche  parole, ci  tornerò spesso. Il primo principio essenziale recita "Vuoto, presenza mentale". Ecco il primo passo è questo per me svuotare la mente dai pensieri, non solo quelli negativi, per avere una maggiore centratura.
Sembra  un paradosso ma non lo è. Per riempire la tazza  bisogna prima  svuotarla come recita un Kan Zen che mi  ispira molto.

Comunque quale modo  migliore per festeggiarlo/mi se non preparare una torta con l'ingrediente che ho scoperto tardivamente rispetto tanti blogger, cioè il tè matcha?
O meglio lo conoscevo benissimo ma  essendo un p'  inflazionato mi tenevo alla larga.
Ora  che non è  più il "prezzemolino" delle ricette lo sto usando in tante preparazioni.

Questa nasce dalla  fusione di tante ricette lette nel  web con il classico ciambellone di ricotta  che fa mia madre. Ho studiato, provato, testato, aggiustato e ri-testato.

Cake al tè matcha
(Dose per uno stampo rotondo da 26 cm
o 4  rettangolari da 20x10 ca)

400 g farina
400 g  zucchero
400 g robiola
2 cucchiai olio
2 cucchiaio latte
2 cucchiaino tè matcha
baking soda 7g
o
cremor di tartaro 5 g
bicarbonato di sodio 3 g

Montare le  uova  con lo  zucchero, aggiungere la robiola e a seguire la farina con il  lievito e tutti gli altri ingredienti ad esclusione del tè e del latte. Aggiungere il latte  solo se la consistenza lo richiede. L'impasto deve  essere fluido come un classico ciambellone.
Mettere 1/3  dell'impasto  in un ciotola e aggiungere  il  tè matcha avendo cura di setacciarlo bene per evitare i grumi.
Ungere e infarinare uno stampo, versare i due composti alterandoli. Spolverare la superficie con zucchero in polvere e infornare a 180°C per  40/45 minuti. Fare la prova stecchino prima di spegnere.


2 commenti:

  1. Bello!
    certamente anche buono. Auguri ancora! Antonella

    RispondiElimina
  2. Auguri per questo straordinario risultato cara Daniela! E grazie per tutti i consigli e gli insegnamenti che abbiamo colto in questi anni... Tu e il tuo blog siete stati e siete per noi fonte di energia e di ispirazione...

    RispondiElimina